25 Aprile, Giorno della Liberazione

La sezione ANPI “Aurelio Del Gobbo” di Marino

Invita alla presentazione del libro
“Criminali di guerra italiani – Accuse, processi, impunità nel secondo dopoguerra”
Ne parleremo con l’autore Davide Conti
ed il Vicepresidente vicario dell’ANPI di Roma e Provincia Ernesto Nassi
Sabato 21 Aprile ore 16:30

presso la sede dell’Associazione Culturale “Arcobaleno Rotante

in Piazza Daniele Manin n8, Marino centro.

Il Partito della Rifondazione Comunista esprime estrema soddisfazione per il fatto che l’ANPI abbia deciso di effettuare questa iniziativa nella sede che condividiamo con l’associazione culturale Arcobaleno Rotante e speriamo che questo possa essere solo
il primo passo verso una proficua collaborazione fra tutte le forze che continuano a ricordare e commemorare il momento più alto della storia del nostro Paese la lotta partigiana e di Resistenza

Ringraziamo per questo anche la colpevole amministrazione comunale incapace di concedere ad una delle più importanti associazioni nazionali
un luogo preposto alle riunioni e alle iniziative.

—————————————————

DAVIDE CONTI (Roma 1977), dottore di ricerca in Storia Contemporanea all’Universita di Roma “La Sapienza” e ricercatore dellaFondazione Basso – sezione internazionale.

Ha pubblicato con Odradek Le brigate Matteotti a Roma e nel Lazio (2006); L’occupazione italiana dei Balcani (2008); con Ediesse, Alle radici del sindacato. La fondazione della CGIL (2010).


Istruzioni per l’uso
Il libro di Conti è un testo distaccato e non prevenuto. A partire dalla domanda: come mai l’Italia non può “vantare” criminali di guerra? Il libro mostra come, a partire da chilometrici elenchi di presunti Criminali di guerra, approntati da Inglesi, Americani, Albanesi, Greci, Jugoslavi e Sovietici, si sia giunti – complice la Guerra fredda – a depennarli TUTTI. La cancellazione di tutti i processi ha una conseguenza paradossale, quella che non si può restituire l’onore a chi fosse stato ingiustamente accusato. E comunque non si potrà mai accertare se siano mai esistiti criminali di guerra italiani, e quanti.

In una intervista pubblicata sul sito Il pane e le roseDavide Conti collega in un discorso complessivo – una vera e propria contronarrazione – gli aspetti caratterizzanti la propria ricerca. Se ne consiglia vivamente la lettura.

Giuseppe Vecchio del consorzio TeleAmbiente intervista l’autore Davide Conti
Presente in studio anche lo storico Giuseppe De Lutiis.

Annunci

Contribuisci con la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...