Pronto soccorso di Marino: fine delle menzogne

Ospedale MarinoCon la sentenza del Consiglio di Stato che dà ragione al comune di Frascati, e conseguentemente torto a Marino, si chiude la tragicommedia messa in atto in questi anni dalla Giunta di centro-destra del nostro Comune.

Il risultato è che Marino non vedrà riaperto il Pronto Soccorso facendo venire a mancare ai cittadini un punto di fondamentale pronto intervento ed andando a congestionare i pochi Pronto Soccorsi nei Castelli Romani rimasti aperti a fronte dei tagli alla Sanità dei Governi di Unità Nazionale (fatti da PD, PDL e centro). Continua a leggere

Anche i Comuni piangono

Il Governo delle piccole larghe intese fa un regalo ai Comuni italiani tramite la legge di stabilità.

Se da un lato infatti il Governo cerca di soddisfare le lobby affaristiche e politiche che gli consentono di restare in vita dall’altro fa mancare agli enti comunali almeno 1,5 miliardi di euro che si tramuteranno in un taglio dei servizi sociali che questi ultimi dovranno effettuare.

Piero Fassino

Questa ennesima mannaia vede per ora una reazione dei sindaci, capitanati da Fassino il privatizzatore di Torino, che si sta focalizzando su una richiesta di redistribuzione di risorse che non esistono e che, grazie ai trattati europei che i Governi di centro-destra-sinistra hanno sottiscritto e al pareggio di bilancio che i Governi di centro-destra-sinistra hanno approvato, non sarà possibile reperire nei prossimi anni.

La protesta degli enti comunali deve trovare una base politica più avanzata: mettere in discussione il patto di stabilità, iniziare a disubbidire ai diktat che ci sono stati imposti, questa è l’unica strada da percorrere per trovare una via d’uscita dalla crisi che possa partire dalle istanze più locali e giungere infine fino alla politica nazionale.

Su questo principio fondamentale i sindaci avrebbero l’appoggio della società, dei cittadini che oggi amministrano e che da loro esigono una risposta chiara e netta!
Da questo principio vogliamo ripartire anche dal nostro Comune, Marino, per dare una nuova prospettiva all’Italia.

Siamo di fronte ad una scelta dirimente per la vita dei cittadini: da un lato ci sarà la lotta di forze politiche che si vogliono schierare dalla parte dei cittadini dall’altro chi sosterrà solo la cupa accettazione di leggi di stabilità che impoveriranno sempre di più l’Italia.

Il movimento NO INC ancora vittorioso

Comitato NO INC RonciglianoLa decisione di togliere l’inceneritore dalla pianificazione del nuovo piano rifiuti Regionale è la rappresentazione più evidente di come la lotta popolare condotta in questi anni dai movimenti, dalla cittadinanza e da partiti come Rifondazione Comunista, che ha sempre sostenuto e coadiuvato la protesta, possano portare a dei risultati vittoriosi.

Il nostro partito sia con il supporto istituzionale che potevamo fornire (in Regione e nei Comuni interessati in cui eravamo presenti) sia, e soprattutto, con la presenza dei nostri militanti ha sempre dimostrato piena adesione alle giuste motivazioni del movimento NO INC.

Il successo del movimento NO INC sulla questione dell’inceneritore di Albano è una vittoria di tutti coloro che si oppongono agli abusi affaristici, è un primo passo verso il ritorno ad una gestione dei problemi che pone in primo piano le necessità della popolazione piuttosto che i profitti e le speculazioni capitalistiche.

Ora altre lotte devono, su questo solco, proseguire iniziando dalle due discariche, Roncigliano e Falcognana, e dalla speculazione edilizia che nel territorio di Marino rischia di devastare in maniera irreversibile l’area del Divino Amore-Mugilla.

Noi comunisti continueremo a dare il nostro apporto alla costruzione di un movimento popolare che difenda i suoi interessi contro il sistema capitalista.

La coesione e la partecipazione popolare alle manifestazioni del NO INC insieme all’abnegazione di chi all’interno del movimento ha sempre sostenuto la battaglia sono oggi l’esempio della strada da seguire per ribaltare una visione puramente affaristica del nostro territorio che troppi danni ha causato negli ultimi anni.

In difesa di scuola e studenti

SEMPRE IN LOTTA

PER UNA SCUOLA PUBBLICA E DEMOCRATICA

SFRUTTANDO LA MORSA DEL CAPITALISMO SUL DEBITO ITALIANO

scuola
IL GOVERNO LETTA PORTA AVANTI UN ATTACCO ALLA SCUOLA
E CONDUCE LA SUA BATTAGLIA PER
UN’ISTRUZIONE DI SERIE A
RIVOLTA ALLA CLASSE BORGHESE ED UN’ISTRUZIONE DI SERIE B
PER TUTTI I FIGLI DEL POPOLO
.

NON SOLO SIAMO CONTRO QUESTE POLITICHE REAZIONARIE CHE PENALIZZANO SOLO IL FUTURO DEGLI STUDENTI MA VOGLIAMO CHE LE PROTESTE CONDUCANO NON SOLO AD UNA VITTORIA TEMPORANEA MA DEFINITIVA.

E’ NECESSARIO NON SOLO RIATTIVARE INVESTIMENTI DI STATO SULL’ISTRUZIONE MA AVANZARE ANCHE UN NUOVO MODELLO DI SCUOLA PUBBLICA IN CUI SIANO LE ASSEMBLEE DEGLI STUDENTI E DEI LAVORATORI DEL SETTORE A DETERMINARNE IL FUTURO.

MAI COME OGGI GLI STUDENTI SONO FRA LE CATEGORIE PIU’ COLPITE DA UNA CRISI PROVOCATA DAL CAPITALISMO E CHE IL GOVERNO ATTUALE ED I PARTITI CHE LO SUPPORTANO NON VOGLIONO RISOLVERE: A QUESTO FURTO DI FUTURO BISOGNA RISPONDERE CON PROTESTE E PROPOSTE CHE RESTITUISCANO A CHI STUDIA E LAVORA IL POTERE DI DETERMINARE LA SUA VITA

CI UNIAMO PERTANTO ALLA VOSTRA LOTTA E VI INVITIAMO A DISCUTERE INSIEME A NOI DELLE PROSPETTIVE CHE SI POSSONO E SI DEVONO DARE ALLA SCUOLA E AL NOSTRO FUTURO.

Albano partigiana

I fatti ignobili svoltasi ieri ad Albano dimostrano una volta di più come il valore dell’antifascismo debba essere difeso strenuamente e con ogni mezzo: in una Repubblica democratica nata dalla vittoria partigiana sul nazi-fascismo riteniamo inqualificabile il comportamento del prefetto Giuseppe Pecoraro che ha scavalcato l’ordinanza del sindaco Marini atta a vietare il funerale di un macellaio nazista.

Le dimissioni del prefetto sono un atto obbligato ma che non devono rappresentare il capro espiatorio di  una lenta ma inesorabile discesa del nostro Paese verso una sempre maggiore indifferenza per quei valori a cui dobbiamo la democrazia.

E’ tempo di applicare quei valori sanciti dalla Costituzione, non smontarli pezzo per pezzo come vuole fare il Governo Letta-Alfano e come sollecita il presidente Napolitano, e dichiarare una volta per tutte illegali le associazioni di stampo fascistoide che in Italia continuano a persistere: non vogliamo in Italia una seconda Alba Dorata con il conseguente carico di violenze ed omicidi.

Ieri ad Albano i compagni ed i cittadini scesi in piazza hanno dimostrato la forza dell’antifascismo impedendo il funerale, costringendo tutti (dalle istituzioni ai lefevriani passando per i fascisti accorsi) ad un dietro-front che deve essere definitivo, una volta per tutte.

Antifascismo

Antifascismo

Non solo per la Costituzione

Costituzione 12 ottobreIl 12 ottobre si svolgerà un’importante manifestazione a Roma in difesa della Costituzione italiana e dei suoi valori.

Rifondazione Comunista sarà presente alla manifestazione per la difesa di quei diritti inalienabili del cittadino che da anni vengono messi in pericolo da una bipartisan volontà politica di privatizzazione e parcellizzazione: sanità, istruzione e lavoro su tutti.

paolo-ferrero-10-smallLa deriva capitalistica e liberista di gran parte della classe politica italiana, soprattutto nell’area di centro-sinistra, mina questi diritti e l’infrastruttura democratica e popolare della nostra Costituzione.

Come circolo del PRC di Marino ci auspichiamo che questa manifestazione non rappresenti solo un momento di difesa da parte delle forze politiche e di aggregazione popolare che oggi non riconoscono nel modello capitalista un orizzonte di sviluppo ma anche un primo passo per costruire un’alternativa reale contro le politiche e le forze politiche che ci hanno condotto alla crisi.

Manifestazione 12 ottobreLa via maestra che deve seguire la manifestazione del 12 ottobre porta necessariamente ad allacciarsi con le altre manifestazioni del 18 e 19 ottobre per promuovere quel progresso sociale che la Costituzione sancisce ma che non è mai stato pienamente applicato.

Il 21 in piazza per l’ambiente

Settimo invasoGli ultimi fatti emersi in questi giorni a Casal di Principe mostrano come in Italia il problema rifiuti non riguarda solamente la gestione ed il riciclo di questi ma comporta il serio rischio di una malversazione e di una speculazione anche delinquenziale che rischia di distruggere il territorio.

Anche se in questi ultimi giorni è stata richiesta l’archiviazione per le indagini sulla proprietà della Ecofer, in cui si escludono infiltrazioni mafiose, non possiamo certo omettere che fino a quando la discarica esisterà e funzionerà ci sarà sempre il rischio che le organizzazioni mafiose tentino di inserirsi in un business che è sempre più proficuo e che ormai si estende anche alle bonifiche di territori che esse stesse hanno contribuito a distruggere. Continua a leggere