Le solite doppiezze

berlusconi-condannato

Sulla vicenda di Berlusconi e sulla sua condanna definitiva l’unica ancora di salvezza del cavaliere e dei suoi vassalli del PDL sembra legata al perdurare del Governo delle larghe intese.

I parlamentari e membri del Governo di destra infatti esprimono ogni giorno una doppiezza fatta di velate minacce sulla stabilità di Letta da un lato e da un rinserrare le fila per mantenere in piedi l’esecutivo per strappare l’ennesima via di fuga al loro capo.

enrico-lettaMa analoga doppiezza la vediamo anche nel PD che, per il tanto citato senso di responsabilità, continua a governare con un partito il cui capo è stato condannato per frode fiscale come se nulla fosse, accettando una connivenza che fa emergere sempre di più quanto i punti di distanza fra i due principali partiti italiani sono ormai ridotti ai minimi termini.
Fino a quando durerà questo teatrino ci chiediamo? Probabilmente fino alla riforma elettorale che, dovesse realizzarsi secondo quanto emerso negli scorsi giorni, rappresenterebbe un ulteriore passaggio verso un accentramento dei poteri in mano a pochi partiti: una spinta centripeta fatta di soglie di sbarramento al 6-7% che coronerebbe con un semi-presidenzialismo o un premierato forte e che cancellerebbe qualsiasi opposizione considerata “molesta” dal blocco centralista borghese che risponde al nome di PdL-Monti-PD.

In questa finta “alternanza” di schieramenti che in realtà ci governa dal 2011 resta solo il quadro di un’Italia sempre più povera, sempre più disoccupata, sempre più senza industrie ed attività produttive e con una sola certezza: non sarà la sentenza di condanna di Berlusconi a rilanciare il Paese, quello è un fatto di cronaca che verrà presto fagocitato e metabolizzata dai partiti che questa crisi l’hanno causata e che oggi ne muovono i fili; solo l’abbandono del capitalismo in ogni sua forma (liberista o socialdemocratica) e la costituzione di un diverso rapporto fra lavoro e produzione a salvarci dalla crisi

Annunci

Contribuisci con la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...