Libera a Marino per parlare di cementificazione

Il circolo PRC “Jago” di Marino invita la cittadinanza a partecipare al convegno promosso dall’associazione Libera, che da anni si impegna nella lotta contro la mafia, per parlare tutti insieme della speculazione edilizia e dei rischi di infiltrazioni mafiosi insite negli sviluppi di tale politica scellerata.

Rifondazione Comunista si batte da anni per la salvaguardia del territorio sia a livello comunale che, come Federazione della Sinistra, a livello regionale perché non solo abbiamo a cuore il permanere di aree verdi e ad uso civico e sociale della popolazione ma anche perché riteniamo che i rischi, soprattutto nella Regione Lazio, di infiltrazioni malavitose siano alte e che passano per le città di cemento che in questi anni si stanno erigendo.

Conferenza a Marino - 15 giugno

Il Presidio di Libera Ciampino Marino, Venerdì 15 giugno dalle ore 18 presso Museo civico di Marino, Piazza Matteotti, n.13, promuove un incontro pubblico sul tema

“Ciclo del cemento e infiltrazioni mafiose nel Lazio”

Il territorio della provincia di Roma, e non solo, conosce da decenni il fenomeno di una Capitale che si svuota di abitanti e preme verso la cementificazione delle periferie, così come di interi paesi e città limitrofe. Cambia in modo irreversibile il paesaggio e scompaiono vigneti, campi coltivati e intere colline. Lo stresso agro romano è al centro di interessi edificatori che non sempre rispondono al naturale bisogno e diritto di abitare.

Non è solo la crisi ad aumentare il numero delle case invenduteEsistono operazioni immobiliari non giustificate da necessità reali, mentre interi pezzi di città restano da riqualificare. In tale contesto si creano le condizioni appetibili per l’infiltrazione di entità come le mafie che possiedono disponibilità finanziarie inimmaginabili. Come già affermava, nel 1982, Carlo Alberto dalla Chiesa, «la mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi o commerciali e magari industriali… mi interessa la rete di controllo che, grazie a quelle case, a quelle imprese a quei commerci, magari passati a mani insospettabili, sta nei punti chiave, procura le vie di riciclaggio, controlla il potere».

Per approfondire le dimensioni di una realtà esposta alla corruzione, per carenza di controlli preventivi, e maturare, perciò, una coscienza civile capace di resistere alla cultura del malaffare, il Presidio di Libera Ciampino Marino ha promosso, l’incontro pubblico con il magistrato Luigi De Ficchy, procuratore capo della Repubblica di Tivoli, e già nella Direzione nazionale antimafia. Interverrà il referente regionale di Libera, Antonio Turri. L’evento ha ricevuto il patrocinio del Comune di Marino.

Durante l’incontro sarà presentato il lavoro svolto dall’Istituto comprensivo “Antonio Vivaldi”, di Santa Maria delle Mole, finalista per il 2012 del concorso nazionale sulla legalità “Regoliamoci” promosso da Libera (associazioni, nomi e numeri contro le mafie).
Presidio Libera Ciampino Marino
libera.ciampino.marino@gmail.com

Annunci

Contribuisci con la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...