La FdS contro la discarica di Riano

I consiglieri della Federazione della Sinistra alla Regione Lazio si schierano con i cittadini di Riano presentando una mozione in Consiglio regionale per far chiarezza sulla scelta del sito.

Come per l’inceneritore di Albano ci troviamo di fronte all’ennesima lotta della popolazione contro gli interessi affaristici e politici; Rifondazione Comunista propugna una coesione fra i vari movimenti e comitati delle diverse realtà territoriali del Lazio per strutturare un fronte comune di protesta coordinato e forte, in grado di dare la manifesta prova a giornali e opinione pubblica non interessata che non si parla sindrome “Nimby” ma di una volontà di tutelare il territorio nella sua interezza, la popolazione e la sua salute, l’interesse pubblico per non sprecare le risorse in progetti inutili e dannosi e profittevoli solo per gli affaristi.

“Siamo solidali con i cittadini di Pian dell’Olmo. Oltre ai già ricordati vincoli non vi è nessun motivo per cui dovrebbero credere alla favola che la discarica sarà temporanea”. E’ quanto afferma il portavoce romano della Federazione della Sinistra, Fabio Alberti.

“Nessuna seria politica di riduzione, riuso e riciclo è stata messa in cantiere  Non vi è motivo per cui i cittadini di Riano debbano pagare per decenni i costi di una sbagliata politica dei rifiuti.

Il  proprietario del sito, l’avvocato Cerroni, lo stesso che gestisce Malagrotta,  non mancherà di far valere la sua influenza, come ha fatto in questi anni, per evitare una riduzione dei flussi di rifiuti che gli fruttano 93 euro a tonnellata.

Ciò di cui ci sarebbe bisogno è il dimissionamento degli amministratori e dei dirigenti dell’Ama, veri responsabili della crisi dei rifiuti. Imponendo all’azienda di fare  il suo mestiere, rispettando le direttive comunitarie sulle quantità di differenziata e riciclo.

A fronte di un serio piano rifiuti la soluzione, a questo punto veramente temporanea, è fare come Napoli: inviare i rifiuti all’estero per un breve periodo”.

“Come Gruppo della Fds alla Regione Lazio abbiamo per questo presentato una mozione in Consiglio regionale che impegna il presidente della giunta a istituire un tavolo tecnico istituzionale, aperto ai comitati e agli enti locali, per costruire la necessaria fase di transizione verso la chiusura di Malagrotta, al fine di riprogrammare l’intera politica dei rifiuti escludendo la scelta di una discarica a Pian dell’Olmo. Chiediamo inoltre alla Polverini di programmare un “Piano speciale per Roma” per passare dalla fase di emergenza a quella di gestione del ciclo integrato dei rifiuti, di finanziare adeguatamente il riutilizzo e il riciclaggio dei rifiuti e di promuovere un sistema adeguato di impianti di compostaggio e di centri di riciclo per il trattamento dei materiali differenziati”

Annunci

3 thoughts on “La FdS contro la discarica di Riano

  1. Pingback: La FdS contro la discarica di Riano | Rifondazione Comunista di Marino | Fijidemalagrotta

  2. Pingback: Federazione della Sinistra Lazio – la soluzione dei rifiuti è la raccolta differenziata | Rifondazione Comunista di Marino

  3. Pingback: Proteste ed inedia di classe | Rifondazione Comunista di Marino

Contribuisci con la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...