Nessuna raccolta porta a porta e a Marino le tasse aumentano

Riportiamo un documento diffuso dal Gruppo di Impegno mons. Grassi, sulle questioni delle tariffe di smaltimento, che stanno lievitando, sostanzialmente, per l’assenza di una buona amministrazione. Insomma per la presenza di malgoverno ad opera di sindaco e giunta di destra di Palazzo Colonna.

“Egregio utente del servizio di igiene ambientale, non è ti stato annunciato (per superficialità o perché tanto comunque sia all’arrivo della bolletta paghi) che la scelta “sciocca?” di raccogliere i rifiuti urbani con i recipienti sulla strada, dopo un intiero anno di attività, non ha consentito neanche lontanamente di differenziare quanto richiesto dalla legge.Cosa chiede la legge, ad esempio: se 100 tonnellate sono i rifiuti prodotti nell’anno 2011, ben 60 ton. avrebbero dovuto essere raccolte in modo separato e destinate al recupero dei materiali tramite l’acquisto da parte delle industrie del riciclo; mentre soltanto 40 ton. potevano essere
smaltite e pagate in discarica.
Considerato che l’Amministrazione non fornisce a te, utente che paghi, i risultati della raccolta, abbiamo chiesto i dati agli uffici e, fatti salvi improbabili errori di valutazione, ci risulta che è stato differenziato soltanto il 22% e portato in discarica il restante 78% (praticamente il doppio di quanto
previsto dalla legge, con relativo pagamento doppio). Cosa vuoi che sia? Tanto paga pantalone, ed il brutto è che pantalone al massimo brontola, ma sarà così anche in questo periodo?
Una domanda, visti i rimborsi elettorali circola nell’aria, ma non è che questo insistere sul sistema di raccolta fasullo sia dovuto ad una forma di interesse, che so il proprietario della discarica è un parente o un amico? D’altra parte come lo spiegheresti tu il fatto che l’amministratore pur vedendo l’errore di una scelta prosegua a danno anche di chi lo ha votato?
Altra notizia non divulgata è rappresentata da quanto deliberato in Giunta (tutti presenti tranne il Sindaco) con l’atto n. 43 del 10.05.2012 “TARIFFE TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI 2012 – DETERMINAZIONI” con il quale si è deciso di aumentare la tassa della tua casa passando da 2,29 € per mq a 3,18 € per cui inserendo anche il 5% (per la Provincia) per una superficie di casa pari a 80 mq – mentre pagavi circa 192 € – ora pagherai 267€ (quasi il 30%in più).
Sommando le due notizie significa che per un servizio difforme dalla legge ci troviamo un aumento della tassa. Ma tu non esaurire il brontolio per quanto sopra, perché con il 2013 non differenziando il 65% dei prodotti nell’anno in corso (e si perché ogni anno al percentuale aumenta di 5 punti) ci troveremo a pagare mediamente il 20% in più di quanto già paghiamo per lo smaltimento in discarica.

A proposito sai il perché dell’aumento? Nella deliberazione di giunta si cita che il direttore della Multiservizi fa pervenire una nota contenente la previsione dei costi per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani per il triennio 2012 – 2014, il dirigente la firma senza alcun commento e considerazione circa la possibilità di avere una gestione meno onerosa di quella esistente.
Inoltre dimentica di allegare la nota contravvenendo al regolamento dell’albo pretorio.
E poi perché considerare i costi nel triennio se nell’anno in corso il servizio deve essere affidato a seguito di gara pubblica.
Avendo un rapporto amministrativo aperto col nostro Sindaco, magari non tutti insieme, perché non proviamo a chiedere chiarimenti anche sull’operato della dirigenza?
Abbiamo espresso a più riprese la disponibilità a collaborare nell’informare i residenti; disponibilità caduta nel vuoto. Probabilmente al così detto politico non piace ricevere le offerte di collaborazione perché in tal caso si sentirebbe in qualche modo riconoscente, preferisce accontentare Lui il suddito petente o pagare l’esperto.
Il portavoce dell’associazione: Corrado Colizza”

In un momento in cui Frascati passerà totalmente alla raccolta differenziata “porta a porta” (11 Giugno) ed altri comuni nei Castelli Romani si sono adoperati per questa che, ad oggi, è l’unica forma garantita di differenziazione (basti citare i casi di Grottaferrata ed Ariccia ed i loro risultati) ci chiediamo anche noi a cosa possa essere dovuta una “miopia” così iterata della Giunta e dello stesso Sindaco!

Il PRC a Marino sin dalle ultime elezioni aveva proposto il “porta a porta” per la raccolta dei rifiuti e continua a perorare oggi tale scelta politica e ambientale estendendo tale soluzione anche ad una collaborazione fra i comuni confinanti in modo da poter gestire in maniera ancora più proficua ed efficente la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti generando non solo economie di scala che rendano più sostenibile la spesa ma creando anche un ciclo virtuoso che possa produrre ricchezza sociale (lavoro, sostenibilità ambientale, miglioramento delle condizioni di vita) in tutta la zona: alla luce anche delle scelte scellerate della discarica di Tivoli o dell’inceneritore di Albano la risposta deve essere per una gestione dei rifiuti che non si preoccupi del profitto dei capitalisti e degli affaristi ma degli interessi di tutta la popolazione!

Annunci

4 thoughts on “Nessuna raccolta porta a porta e a Marino le tasse aumentano

  1. e poi si dice che è immondizia,si vende a peso d,oro. io ritengo che come l’imu la tarsu l’irpef regionale e comunale siano state istituite per tenere lo stesso passo ( a livello locale ) DEI POLITICI NAZIONALI: spero che una mattina qulcuno si svegli. dimenticavo di dire che tutti questi balzelli sono stati istituiti dal comunista prodi

    • Caro Massimo grazie per il tuo intervento a cui vogliamo dare seguito; le tasse quando colpiscono il popolo, quando sono trasversali e non tengono conto dei reali livelli di ricchezza, quando non contribuiscono a redistribuire i beni ma alienarli, quando non producono ricchezza (sociale e culturale) sono sempre inique e noi lo diciamo da anni e speriamo che la cittadinanza comprenda il nostro messaggio.
      Sull’appartenza di Prodi alla nostra ideologia permetteci di dissentire, non solo Prodi non è mai stato iscritto ad alcun partito comunista ma i suoi pensieri lo identificano come un liberal-democratico keynesiano e c’è fra le due teorie economiche una bella differenza che saremo felicissimi di spiegarti se vorrai venire ad assistere a qualche riunione nel nostro circolo.

  2. Pingback: Federazione della Sinistra Lazio – la soluzione dei rifiuti è la raccolta differenziata | Rifondazione Comunista di Marino

  3. Pingback: Aumenti IMU, IRPEF e TARSU a Marino | Rifondazione Comunista di Marino

Contribuisci con la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...