La salute dei cittadini conta meno degli affari

Ci uniamo allo sgomento del comitato contro l’inceneritore di Albano per la decisione presa dal Consiglio di Stato che autorizza la costruzione di questa struttura in un territorio un tempo fiore all’occhiello del paesaggio e del “buon vivere” ed oggi strozzato da una cementificazione spietata e da un degrado inarrestabile.

La sentenza del Consiglio di Stato era stata già preannunciata dal ministro Clini che in questo frangente si dimostrava veggente di particolare bravura e che, oltre alla denuncia del comitato, ha ricevuto negli scorsi giorni anche quella da parte della Federazione della Sinistra di Albano e del Lazio.

A preoccuparci, oltre alla fondamentale questione ambientale di un territorio in cui viviamo tutti i giorni e a quella della salute dei cittadini, messa a repentaglio da quello che si preannuncia come un ecomostro, è la questione politica che l’inceneritore di Albano, così come la TAV, sta aprendo all’interno del nostro Paese.

A fronte di proteste popolari molto sentite e partecipate la classe politica è in grado di rispondere solo con un autoritarismo sconcertante, che antepone al benessere dei territori un inquantificabile utile generale che si fatica a scorgere.
Similmente alla questione del lavoro anche queste opere di “pubblico danno” sono condotte in maniera totalitaria, non tenendo assolutamente conto delle proteste e delle volontà delle persone su cui ricadono.

Sconcertante è la risposta di alcuni politici che dovrebbero, quantomeno per appartenenza ideologica, supportare certe lotte e che invece non perdono occasione, come Marroni del PD, di esprimere la loro felicitazione per il buon risultato raggiunto.
Non ci si può poi lamentare se la cittadinanza si allontana dalla politica quando un certo tipo di politica, in cui Rifondazione Comunista non si riconosce e mai si identificherà, non fa altro che allontanarsi dalla gente.

Annunci

2 thoughts on “La salute dei cittadini conta meno degli affari

  1. Pingback: Manifestazione 14 Aprile No INC di Albano | Rifondazione Comunista di Marino

  2. Pingback: La Banda del CIP6 | Rifondazione Comunista di Marino

Contribuisci con la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...